fbpx

Un pomeriggio d’estate sul Naviglio Grande. Paolo con la sua Cinelli, io con la mia bici pavè-repellente, le ruote più “fat” delle mie caviglie. L’appuntamento era più o meno al buio. Nel senso che ignoravo quanto l’ideatore di questo sito fosse sottilmente turbolento, dietro un’apparenza che non fa una piega. Soprattutto, non sapevo che mi avrebbe fatto abbracciare per la prima volta una bici da corsa. Si, perchè così è andata: ho dovuto abbarbicarmi a un manubrio che pareva sfuggirmi, come in un cartone animato, come dotato di vita propria, guardata storta dalle increspature dell’acqua. Sono passati alcuni mesi. Ho salvato una bici da corsa dalla discarica. E ho ricevuto il compito di fare almeno 700 km. Lui ne ha appena fatti 7000. Resta il dubbio: che sia turbo o lento?