Ol Gir l’è amò ché – 20 e 21 maggio 2023

news & appuntamenti

Ol Gir l’è amò chè…nel 1995 la ASD Turbolento era nel Comitato di Tappa del Giro d’Italia. La tappa in questione era la cronoscalata Cenate-Selvino, con ben 2 salite, il Colle del Gallo da Casazza e la Nembro-Selvino. Diciassettesima tappa del 78° Giro d’Italia vinto dallo svizzero Tony Rominger.

L’ospitalità della tappa era fortemente voluta da Monsignor Nicoli di Nembro, dal Commendator Bosatelli della Gewiss (ai tempi c’era la squadra Ballan-Gewis) e dal Comune di Selvino. La partenza era fissata nel cortile dello stabilimento Gewiss di Cenate, l’arrivo davanti al Municipio di Selvino. Migliaia i tifosi accorsi sui tornanti della Nembro-Selvino tanto da far titolare in prima pagina della Gazzetta (Direttore di allora Candido Cannavò), “La montagna incantata” (riferendosi a Selvino).

Il paese di Selvino per l’occasione si era tinto di rosa, all’insegna del grido “ol Gir l’è amò chè” (il Giro è ancora qui) essendo già passato, ma solo passato, nel 1988.

Tutto, ma proprio tutto era stato personalizzato con lo slogan rosa: le vetrine dei negozi, i sacchetti del pane e quelli della spesa, le bustine dello zucchero e le tovagliette dei bar, centinaia di metri di striscioni sui balconi delle case, palloncini gonfiabili per i bambini…mesi di lavoro per una giornata idimenticabile.

Martedì 30 maggio 1995 il Giro tornava a Selvino – e li era fissato il traguardo di una meravigliosa cronometro di 43 km vinta da Tony Rominger, salito da Nembro a Selvino in 23’ e rotti (tempo totale della cronometro 1h 05’ 39”)  dopo aver scalato i tornanti nervosi del Colle Gallo.

La Repubblica – Il motore Rominger

Giro d’Italia 1995 Wikipedia

 

 

 

Turbolento oltre a partecipare ai lavori del Comitato di Arrivo, ha organizzato, la Domenica precedente l’arrivo del Giro, la prima edizione della Gran Fondo delle Orobie. Che valicando il Colle di Zambla  e poi la forcella di Bianzano affrontava le due salite della cronometro Gewiss Cenate-Selvino. Avrebbe dovuto restare una edizione unica e irripetibile, L’abbiamo invece replicata per altri 3 anni, organizzando 4 edizioni tra il ’95 e il ’98. Ultima edizione 1.200 partecipanti. La partenza in discesa, la troppa differenza di andatura tra i primi e gli ultimi con 120 chilometri di strade aperte al traffico (e poco presidiate) ci hanno fatto desistere dal replicare ulteriormente. 

Ecco il perché di questa proposta “auto-celebrativa”. Quasi trent’anni dopo la prima edizione, torniamo su quelle strade ad “aspettare i corridori”.
E se qualcuno ti dice: dobbiamo andare al cine…al cine vacci tu! 
Di seguito il programma di massima delle 2 giornate.

 

Sabato 20 maggio h.10.00 ritrovo a Selvino

check-in hotel e “vestizione atleti”, ritrovo di partenza h.11.00 Via Vulcano (a pochi metri dall’hotel, possibilità di parcheggio)

Si affronta il giro della Gran Fondo (traccia distribuita preventivamente ai partecipanti) 105km con 2100 metri di dislivello

Selvino-Aviatico-Trafficanti-Serina-colle di Zambla: 26km 650D+ quota 1250 mslm 

Discesa a Ponte Nossa: dist.parziale 14km (tot.40) si scende a quota 450 mslm 

Ciclabile Valle Seriana da Ponte Nossa a Cene – inizio Valle Rossa: dist.parziale 12km (tot.52) Forcella di Bianzano-Endine dist.parziale 14km (tot.64) 300D+

Monasterolo del Castello: dist.parziale 6km (tot.70)

Salita al Colle Gallo: dist.parziale 9km (tot.79) 450D+ quota 765 mslm

Discesa al Ponte vecchio di Nembro: dist.parziale 14km (tot.93) quota 300 mslm

Nembro-Selvino: 12km (tot.105) 650D+ quota 950 mslm

 

Domenica 21 maggio ritrovo h. 09.00

Partenza da Selvino verso Rigosa e Algua (stessa discesa che percorrerà il Giro poche ore dopo). temp per la discesa 20′ circa. Da Algua si sale verso Costa Serina (salita non lunga, ma impegnativa) rientrando a Selvino dalla strada di Trafficanti, che si percorre al contrario rispetto al Sabato. 

Il giro di 35km si chiude in circa 2h e 30’ quindi arrivando a Selvino in tempo per aspettare il passaggio degli atleti.

 

ol Gir l’è amò ché in bergamasco significa letteralmente “il Giro è di nuovo qui”

 

Accommodation

Hotel Harmony Suite

Hotel Relax

Hotel Moderno

Hotel Marcellino

T’Ami Resort

Hotel Aquila

Qui di seguito potete dare la vostra adesione alla Club Ride.

Daniela Schicchi

Marco Pastonesi

Paola Gianotti

Alberta Schiatti

Paolo Tagliacarne

Paolo Della Sala

Anna Salaris

Francesca T

news & appuntamenti
Fotografi Turbolenti

Fotografi Turbolenti

Molte fotografie del nostro sito sono di fotografi professionisti, amici Turbolenti: Alessandro Trovati, figlio d'arte, cresciuto a pane e fotografia, insieme al fratello Marco a Giovanni Auletta e altri ha raccolto l'eredità Pentaphoto e continua a lavorare tra...

Le Turbolentenews & appuntamentivivere sostenibile
272 chilometri: Paola Gianotti alla Chase the Sun
272 chilometri: Paola Gianotti alla Chase the Sun

272 chilometri: Paola Gianotti alla Chase the Sun

        Dall’Adriatico al Tirreno inseguendo sé stessi, e il sole. 272 chilometri da costa a costa, da est a ovest, dall'alba al tramonto. Chase the Sun è questo. Non è solo una lunga, incredibile, faticosa e magica pedalata di 272 chilometri, da una costa...

X

SOSTIENI IL PROGETTO LE STRADE ZITTE

L’obiettivo è tutelare e valorizzare il paesaggio italiano. Se condividi la nostra visione, se scarichi le tracce dei percorsi proposti, se vuoi che Turbolento continui a creare nuove Strade Zitte per far conoscere l’Italia meno conosciuta, sostieni il nostro progetto con la tua donazione.

Dona ora
Share This