fbpx
circolare please

circolare please

Abito bianco e azzurro. Corpo snello e slanciato eppure forte. Aspetto deciso, carattere grintoso, personalità solida. A occhio: allegra, aperta, sportiva. Una che ama stare all’aria, anche al vento, sempre nella natura, una che non sa rinunciare alle gite e che non manca agli appuntamenti. Una sana, una giusta. Una bella dentro e fuori. Una di cui innamorarsi a prima vista.

L’ho conosciuta una settimana fa, e siccome eravamo nel Castello di Bevilacqua, mi è apparsa come una principessa. Splendente, se non folgorante. Alla fine della serata è salita sulla mia macchina, anche se avrebbe meritato un cavallo bianco, magari bianco e azzurro, e non una Qubo, per quanto bianca, bianca ma non azzurra, a metano. E siamo andati via, insieme, nella notte, cantando sotto la pioggia.

Si chiama Adrenaline ed è una mountain bike. Mi è stata donata da una comunità di appassionati di ciclismo veneti per il Prestigio d’oro-Fiera del riso. E l’ha fabbricata Liotto, di Vicenza, un industrioso artigiano, anche un industriale artigiano, alla terza generazione ciclistica: il nonno Luigi, il papà Gino, e adesso lui, Pierangelo, a fare e faticare, fabbricare e assemblare, mettere in bici bambini e nonni, corridori e viaggiatori, montanari di città e cittadini di montagna.

Una nuova bici promette impreviste strade e avventure, altri percorsi e compagnie, diversi orari e orizzonti. Una nuova bici non significa tradire, o rinnegare, la bici precedente, soprattutto se questa ha un’altra vocazione, stradale o pistaiola, urbana o – come per un tandem – multipla. Una nuova bici accende voglie e curiosità, libera fantasia e immaginazione. Una nuova bici apre, aggiunge, moltiplica. E anche su un itinerario conosciuto, può regalare sensazioni ed emozioni ancora sconosciute.

Il battesimo è stato celebrato nel Parco dell’Appia Antica, a Roma. Adrenaline ha ballato sui sampietrini e svirgolato nel fango, respirato la Fonte Egeria e sfiorato la Tor Fiscale, poi è stata punta dal trìbolo, una pianta parassita dei copertoni e assassina delle camere d’aria. Una puntura invisibile, quasi impercettibile. Tornata a casa, la gomma anteriore ha cominciato a sgonfiarsi. Ventiquattr’ore dopo, era a terra. Forse si è sentita parcheggiata o abbandonata, e allora era soltanto un modo silenzioso per richiamare l’attenzione su di sé.

Marco Pastonesi

Vuoi comprarti una bicicletta nuova? con il nostro Bike Rental puoi provare bici da corsa in alluminio e in carbonio, bici da città pieghevoli ed elettriche e valutare cosa è meglio per te.

Oppure leggi qui i nostri consigli per l’acquisto


i nostri partner