Novità mondo trail : Mammutrail Valle d’Aosta

tecnica & pratica
La valle del Lys - Aosta

La valle del Lys – Aosta

Tutto pronto per la novità dell’ambito delle competizioni trail : si chiama Mammutrail Valle d’Aosta, e si svolgerà sabato 18 Maggio. Sarà una “12 ore” sui sentieri di Gaby, su un circuito di circa 16 chilometri con un dislivello positivo di 600 metri.

I trailers dovranno percorrere la distanza più grande all’interno del circuito (anello chiuso)che si sviluppa attorno al paese di Gaby nella valle del Lys, sulla destra e sulla sinistra orografica della valle. C’è di tutto, sentieri ripidi in salita e in discesa, traversoni, attraversamento su ponti di pietra, marciapiedi e un po’ di asfalto tra Gaby e la località di partenza-arrivo posta in località Pineta, zona campo sportivo.La gara partirà alle 08.00 del mattino del 18 maggio 2013 e la zona di transito partenza/arrivo degli atleti sarà chiusa allo scoccare delle ore 18.45. Da quel momento tutti gli atleti che giungeranno all’area tecnica saranno fermati. Chi si troverà lungo il percorso ha il diritto di terminare il giro concludendolo non oltre le ore 20.00. Gli atleti che giungeranno all’arrivo oltre tale limite entreranno in classifica senza il conteggio dell’ultimo giro .Si può correre da singoli o in coppia a staffetta, alternandosi in modo libero, con il solo obbligo di darsi il cambio in zona partenza-arrivo. Materiale obbligatorio segnalato dall’organizzazione: cellulare e bicchiere o borraccia per bere ai ristori. Per informazione e le ultime iscrizioni(termine ultimo 17 maggio) mammutrailvda@gmail.com oppure il gruppo Mammutrail su Facebook

 

 

Daniela Schicchi

Marco Pastonesi

Paola Gianotti

Alberta Schiatti

Paolo Tagliacarne

Paolo Della Sala

Anna Salaris

Francesca T

tecnica & pratica
Le grandi sconfitte: (4) Fignon-Lemond perdere e vincere per un pelo
Le grandi sconfitte: (4) Fignon-Lemond perdere e vincere per un pelo

Le grandi sconfitte: (4) Fignon-Lemond perdere e vincere per un pelo

Fignon-Lemond: la prima avvisaglia, il Giro del 1984 Laurent Fignon, detto 'le Professeur', portava degli occhiali da vista con una montatura metallica che lo facevano somigliare ad un filosofo. Aveva anche una zazzera bionda che, col passare degli anni, perse un...

X

SOSTIENI IL PROGETTO LE STRADE ZITTE

L’obiettivo è tutelare e valorizzare il paesaggio italiano. Se condividi la nostra visione, se scarichi le tracce dei percorsi proposti, se vuoi che Turbolento continui a creare nuove Strade Zitte per far conoscere l’Italia meno conosciuta, sostieni il nostro progetto con la tua donazione.

Dona ora
Share This