Semplicità e biciclette

racconti & riflessioni
Cinelli Gazzetta della Strada

Cinelli Gazzetta della Strada

La forza della semplicità

Con tutta la forza della semplicità, la bicicletta è espressione di un nuovo modo di stare al mondo. Sobrio, responsabile, agile, attento e sensibile. All’ambiente e alla collettività. Con atteggiamenti e comportamenti sempre più selettivi nel scegliere, o non scegliere, nel consumare o non consumare.

La bicicletta è un prodigio meccanico per creare emozioni, un contagio positivo, una macchina perfetta per creare relazioni sociali e per conoscere meglio se stessi. Con il suo imperturbabile dinamismo, ridisegna il territorio con itinerari e percorsi fatti di sapori, profumi e punti di vista inediti anche dei luoghi a noi più conosciuti. Muoversi in bicicletta, significa diventare parte dell’ambiente e rispettarlo di più.

Think bike, think simple!

La bicicletta è la prima compagna di gioco e di strada di quasi tutti i bambini del mondo. Togliere le rotelle è una pietra miliare nella crescita, che aggiunge una nuova dimensione al gioco, allo spazio, alle amicizie. Tornare a pedalare da adulti aiuta a non dimenticare il bambino che siamo stati. E pedalare, ci rende più agili con il corpo, l’anima e il cervello. Richiede energia, questo si, ma altrettanta ne restituisce.

Muoversi in bicicletta, avere una mentalità ciclistica, vuol dire vivere con sobrietà, passione, curiosità, sentirsi parte dell’ambiente che ci circonda, di cui tutti siamo individualmente responsabili. Praticare un naturale e spontaneo stile di vita orientato alla salute e al benessere psico-fisico, pensare positivo, non fare uso di droghe o doping, avere fiducia in noi e negli altri, pensare sempre che gli altri siamo noi, non sprecare le risorse alimentari ed energetiche, non abusare dei motori, ascoltare buona musica, inseguire il nostro sogno con un forte senso del dovere ed anche del piacere, consapevoli che ogni nostro gesto ha una funzione, è una emozione, genera una reazione.

Leggi il profilo del ciclista Turbolento, scopri la nostra Cycling Community e le strade zitte

 

Daniela Schicchi

Marco Pastonesi

Paola Gianotti

Alberta Schiatti

Paolo Tagliacarne

Paolo Della Sala

Anna Salaris

Francesca T

Le Turbolenteracconti & riflessioni
Giro E
Il Giro E: un’esperienza così bella che può creare dipendenza

Il Giro E: un’esperienza così bella che può creare dipendenza

A proposito di Giro E... Se per caso vi dovessero offrire una “bike experience” al Giro E, la manifestazione che segue le tappe del Giro d’Italia con squadre di amatori su e-bike, pensateci bene: bastano pochi giorni et voilà, non potrete più farne a meno. E quando...

X

SOSTIENI IL PROGETTO LE STRADE ZITTE

L’obiettivo è tutelare e valorizzare il paesaggio italiano. Se condividi la nostra visione, se scarichi le tracce dei percorsi proposti, se vuoi che Turbolento continui a creare nuove Strade Zitte per far conoscere l’Italia meno conosciuta, sostieni il nostro progetto con la tua donazione.

Dona ora
Share This