Non solo piste ciclabili.

racconti & riflessioni

via tremula mario verinVie, viali, controviali, incroci, circonvallazioni, semafori, passi carrai, piazze, larghi, slarghi, parcheggi, svolte, seconde file, corsie preferenziali, piste ciclabili.

Segmenti di piste ciclabili. Abbandonate, bucate, rattoppate. Ferite, infortunate, cicatrizzate. Tra foglie, rami, radici. Tra bottiglie di plastica, volantini di carta, mozziconi di sigarette.

Traffico. Tubi di scappamento. Lotta per la sopravvivenza. Come in un videogioco, come in una lavatrice, come in lunapark. Macabro, lugubre, anche divertente, nel suo genere, nel suo spazio, nel suo tempo, i più brevi se possibile, tra infrazioni e scorciatoie.

Fino a una Strada Zitta. Troppo solitaria per attrarre le macchine, troppo stretta per accogliere i pullman, troppo secondaria per ricevere i camion. Lì il tempo sembra essersi fermato e invece vi scorre anche nelle aree di sosta, lo senti, lo vedi, lo annusi, lo tocchi, lo abiti. Una sorta di contratto di affitto, di contatto di affitto.

Non è vero che le Strade Zitte (copyright di Paolo Tagliacarne) siano zitte. Parlano, raccontano, tramandano. Squittiscono, cinguettano, muggiscono. Sussurrano, soffiano, spandono. Il silenzio (copyright di Miles Davis) è la musica perfetta.

Le strade zitte, con il loro carattere mite e la loro natura apparentemente solitaria, non hanno bisogno di nulla. Le strade zitte si accontentano dei ciclisti. Pensieri a pedali. Fiato a cerchioni. Voglie a tubolari.

Marco Pastonesi

 Per saperne di più vai a curiosare su le strade zitte

Daniela Schicchi

Marco Pastonesi

Paola Gianotti

Alberta Schiatti

Paolo Tagliacarne

Paolo Della Sala

Anna Salaris

Francesca T

racconti & riflessioni
Guida o Giuda?

Guida o Giuda?

ATTENZIONE CICLISTI IN GIRO. E' il nuovo libro di Marco Pastonesi e Fernanda Pessolano con il contributo di vari autori. Alcuni famosi, alcuni molto famosi, alcuni sconosciuti ai più, come l'animatore di questo sito e di questo blog. "Mi è sempre piaciuto leggere...

racconti & riflessioni
Cambiamo strada

Cambiamo strada

Facciamo cambiare strada all'Italia. Lo dicono sempre più persone. Approfondisci leggendo repubblica.it. E chi "ci ha i poteri per farlo" cosa fa? ascolta? non ascolta? agisce? non agisce? non si può continuare come si è sempre fatto, questo è evidente, è sotto gli...

X

SOSTIENI IL PROGETTO LE STRADE ZITTE

L’obiettivo è tutelare e valorizzare il paesaggio italiano. Se condividi la nostra visione, se scarichi le tracce dei percorsi proposti, se vuoi che Turbolento continui a creare nuove Strade Zitte per far conoscere l’Italia meno conosciuta, sostieni il nostro progetto con la tua donazione.

Dona ora
Share This