fbpx
Da Selvino le due valli bergamasche
Da Selvino le due valli bergamasche
Da Selvino le due valli bergamasche

DA SELVINO LE DUE VALLI BERGAMASCHE

Selvino (BG) / impegnativo / 85,34 km / 1853 D+

k

DESCRIZIONE

Una salita con strappi al 16%, brevi, ma intensi. Pendenza media del 9%, almeno nel tratto tra Orezzo e Ganda. Non bellissimo il tratto di fondovalle tra Nembro e Gazzaniga, nonostante si sia pedalato sul versante di Pradalunga e Cene.

read more

Più piacevole seguendo la ciclabile, ma essendo a tratti in calcestre non tutti hanno piacere di mettere la loro bici da corsa su fondi leggermente sconnessi. Chi ha le ruote nuove, sofisticate, delicate, chi il telaio superpulito e rifugge dalla polvere. Noi che abbiamo biciclette che non si intimidiscono davanti alle strade bianche, consigliamo di percorrere la ciclabile della Val Seriana fino a Gazzaniga.
Il giro è ad anello, quindi ogni punto è buono per partire. La nostra proposta parte da Selvino scendendo verso Nembro

b

PROFILO TECNICO

A fine discesa, dalla piazza della chiesa di Nembro in direzione Pradalunga, verso il vecchio ponticello che attraversa il Serio. Prima di attraversare il fiume sulla sinistra si prende la ciclabile in direzione nord, verso Albino e Gazzaniga. Dal centro di Gazzaniga inizia la salita. Il paesaggio cambia, migliora e salendo continua a migliorare, con una strada sempre più ripida e sempre più zitta che ci accompagna fino a Ganda. Molto bello anche il mezza costa da Ganda ad Amora e Aviatico.

read more

Arrivati all’albergo-ristorante Belvedere, in località Cantul di Aviatico si va a destra, verso la partenza della bidonvia del Monte Poieto, proseguendo quindi verso la parte vecchia di Aviatico e l’isolata chiesetta di San Rocco.

Incomincia qui la bella strada verso Trafficanti, l’antica via mercatorum che si congiunge con piacevoli sentieri alla via Priula e al Passo San Marco. Non si può sbagliare, si segue la strada fino alla chiesa della Madonna della Neve, qui si scende a destra verso Tagliata, Cornalba e Serina. Bella discesa, poi uno strappo di circa un chilometro, quindi innesto sulla strada principale della Val Serina che porta a Oltre il Colle. Un paio di chilometri di salita fino al tornante, verso destra, dove si prosegue diritto, uscendo dal tornante, verso il colle di Dossena. Ancora poco più di un chilometro di salita, con bel panorama e colori intensi tipici delle belle giornate di sole. Il verde dei prati e l’azzurro del cielo aiuta, forse, a sentire meno la fatica.

E poi all’improvviso sei arrivata tu…la discesona su San Pellegrino. Alle ultima case di Dossena il bivio per San Giovanni Bianco, altra bellissima discesa.

A fondo valle, dopo una breve serie di stretti tornanti, si arriva ad una piccola rotatoria, sulla destra piccola piazzola e sotto l’alto muro di consolidamento della strada ci si immette sulla ciclabile della Val Brembana, in direzione sud, verso San Pellegrino.

A fine ciclabile a sinistra. Qui inizia la strada della Val Serina, quella che porta a Oltre il Colle e che abbiamo percorso poco prima, in un tratto più a monte. Qualche chilometro di fondo valle, belle le gole in prossimità della Fonte Bracca. Siamo in leggera salita, ma la pendenza dolce consente comunque una buona andatura. In località Galleria, superata la vecchia e corta galleria, a destra verso Selvino. Ultimi 10 chilometri. Con poco meno di 600 metri di dislivello. Strada piacevole, con poco traffico e, tranne per lo strappo di Rigosa, con pendenza regolare e ben pedalabile. Giro impegnativo, bello, di grande soddisfazione.

I percorsi sono in costante aggiornamento tuttavia, per le più recenti modifiche alla viabilità locale, alcune indicazioni potrebbero non corrispondere alla nuova viabilità.

EFFETTUA IL LOGIN PER OTTENERE LA TRACCIA


i nostri partner